quando Vincent ti entra dentroโ€ฆ


Andare per musei รจ aprire gli occhi al colore, al segno e al disegno, alla pittura e allo schizzo preparatorio, alla vita e alla morte, alla magia di un tratto morbido e di una linea nervosa; ma quando quel museo racchiude in se lโ€™arte di Vincent Van Gogh aprire gli occhi non basta piรน, cโ€™รจ bisogno di divorarlo tutto quel colore, quel segno, quel disegno, ubriacarsi di quella pittura ammirandone lโ€™embrione in uno schizzo a carboncino, annusandone tutto il senso della vita e quellโ€™inevitabile incognita della morteโ€ฆ fino a non riuscire piรน a gestire lโ€™ebrezza mulipla dei sensi.

โ€œautoritrattoโ€
โ€œautoritrattoโ€
โ€œil granchioโ€
โ€œil seminatoreโ€
โ€œvisiโ€ le contadine di Vincent
La dignitร  della povertร 
โ€œI mangiatori di patateโ€ dettagli di povertร 
โ€œi mangiatori di patateโ€

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.