quando Vincent ti entra dentro…

Andare per musei è aprire gli occhi al colore, al segno e al disegno, alla pittura e allo schizzo preparatorio, alla vita e alla morte, alla magia di un tratto morbido e di una linea nervosa; ma quando quel museo racchiude in se l’arte di Vincent Van Gogh aprire gli occhi non basta più, c’è bisogno di divorarlo tutto quel colore, quel segno, quel disegno, ubriacarsi di quella pittura ammirandone l’embrione in uno schizzo a carboncino, annusandone tutto il senso della vita e quell’inevitabile incognita della morte… fino a non riuscire più a gestire l’ebrezza mulipla dei sensi.

“autoritratto”
“autoritratto”
“il granchio”
“il seminatore”
“visi” le contadine di Vincent
La dignità della povertà
“I mangiatori di patate” dettagli di povertà
“i mangiatori di patate”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.